DAVID DONNINI TALKS PROGRAMMA EVENTI YOUTUBE CONFERENZE LIBRI FACEBOOK

    1 - Complotti e congiure
    2 - Le origini misteriose del virus
    3 - Il pericolo sanitario generato dall'epidemia
    4 - La congiura internazionale
    5 - Presa di coscienza e impegno popolare

    Presa di coscienza e impegno popolare

    Abuso di potere
    Mai si è vista in Italia, come nel Marzo e nell'Aprile del 2020, una situazione di incostituzionalità così diffusa capillarmente, consistente in una serie di abusi di potere, innumerevoli come odiosi.
    Intendiamoci, l'evitamento di tutte quelle circostanze che favoriscono la trasmissione del virus [assembramenti, imprudenze, ecc...] è una questione di buon senso civico, prima ancora che di legalità. Un errore può produrre delle vittime, non dei semplici "scherzetti da prete".
    Ma, a parte il fatto che i decreti e i provvedimenti locali sono stati tardivi, talvolta sbagliati e responsabili essi stessi dell'epidemia, che senso ha un regime di restrizioni pesantissime, che vietano tutte le libertà personali e impongono una legge marziale fatta di sanzioni severe e prive di qualunque elasticità?
    Il vecchietto che butta la spazzatura, la madre che porta la figlia ad una visita specialistica, il rider che consegna le pizze, il runner solitario che fa una corsetta nel prato, l'anziano che zappetta l'orto, la persona che ha comperato solo bottiglie di vino...
    Specialmente i vigili urbani si sono gettati in un'autentica ricerca del "criminale", comminando multe da 533€, se non molto più salate, a persone che, oggettivamente, non stavano creando nessun pericolo di diffusione del contagio e, comunque, agivano perché spinti da necessità reali, non da stupide futilità.

    Crediamo che i tutori dell'ordine pubblico agissero per il nostro bene? Pensiamo che siano casi isolati di agenti con poco spirito di comprensione? No. Non è così.
    E' chiaro che nessuno contesta le sanzioni a chi ha organizzato feste sui tetti o partite di calcio, né alle persone che hanno violato la quarantena mettendo in pericolo il prossimo.
    Ma il regime implacabile che ha generato la colpevolizzazione del cittadino, rappresentandolo come il responsabile principale dell'epidemia e costringendolo agli arresti domiciliari, ha le sue motivazioni che esulano abbondantemente dal compito di proteggere e garantire la salute pubblica.
    Gli agenti dei vari corpi di ordine pubblico hanno ricevuto indicazioni dai loro comandi, che li hanno indotti ad una severità ininfluente rispetto alla sicurezza sanitaria, perché dall'alto è stato deciso di condizionare le masse popolari con un molteplice strategia: il terrore delle sanzioni da una parte, la sistematica manipolazione dell'informazione dall'altra.
    Il tutto in funzione della preparazione ad un nuovo regime di "normalità", fondato sul controllo globale e, in fin dei conti, sul paradosso della
    dittatura consensuale.

    Ipnosi televisiva
    La televisione entrò in casa mia quando avevo 10 anni, nel 1960. Amavo Disneyland perché mostrava cartoni animati, documentari naturalistici, documentari sull'universo e sulla ricerca spaziale. Le trasmissioni iniziavano verso le 16:00, c'era la TV dei Ragazzi con Rin Tin Tin, Lassie o Scaramacai. Aveva sempre un fondo educativo. La sera c'era Non è mai troppo tardi, col maestro Manzi, un film la settimana, show musicali, quiz come Lascia o Raddoppia, i gialli del Tenente Sheridan. La pubblicità era limitata all'indimenticabile Carosello.
    Sono passati 60 anni da allora. Ci sono centinaia di canali, film, notiziari, reality, talk show, comiche, sport, cartoons, televendite, maghi... c'è una quantità incommensurabile di pubblicità. Non mi piace. Sono un vecchio, e faccio discorsi da vecchio. Ai miei tempi... e tutte queste scemenze. Ma...
    Fra le mie scemenze ce n'è una peggiore delle altre: i deep powers, da almeno 40 anni, hanno raffinato la teleipnosi. Perché il potere non è costringere le persone, ma convincere le persone. E la TV, specialmente i Tg, sono diventati la fabbrica del consenso, i veicoli della menzogna che ottunde miliardi di persone. Il principale strumento della
    dittatura consensuale.

    Continua con Presa di Coscienza e Impegno popolare